Iperammortamento 250% – si replica nel 2018 …con qualche novità!

9 Gen , 2018 Featured,News

Iperammortamento 250% – si replica nel 2018 …con qualche novità!

Non perdere l’opportunità dell’Industria 4.0

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2018 sono stati confermati importanti aiuti alle imprese: in primis l’Iperammortamento al 250%, ma con significativi aggiornamenti! Scopriamo insieme il contenuto e le novità relative all’Industria 4.0.

 

Iperammortamento

Come per il 2017, anche nel 2018 troviamo attivo il piano d’Iperammortamento del 250%, ma questa volta con alcune interessanti novità.

I beni rientranti nell’Iperammortamento sono quelli già visti nel passato (vedere nostro precedente articolo – Iperammortamento 2017); l’ordine deve essere emesso entro il 31/12/2018 confermato da un versamento di almeno il 20%. La consegna potrà poi avvenire entro il 31/12/2019 – è stato quindi concesso un intero anno per il completamento della fornitura!

Importante novità: è stata introdotta la facoltà di poter sostituire in corso d’opera – quindi durante il periodo di ammortamento – i beni già soggetto dell’Iperammortamento, a patto che questa avvenga con beni aventi caratteristiche pari o superiori (quindi non inferiori) e anch’essi rientranti nell’Iperammortamento. Il tutto consente di mantenere un eccellente livello tecnologico delle proprie attrezzature e contemporaneamente fruire delle migliori agevolazioni fiscali.

Superammortamento

Nella Legge di Bilancio 2018 è stato confermato anche il Superammortamento (fino al 31/12/2018 con consegne entro il 30/06/2019 e con ordine accompagnato da un acconto minimo del 20%), ma in questo caso con delle riduzioni! Vediamole insieme: riduzione dell’incentivo dal 140% al 130% ed esclusione degli autoveicoli ad uso aziendale e privato.

Sabatini

La Nuova Sabatini, già conosciuta nel recente passato, è stata rifinanziata; sono ora disponibili 330 milioni di euro. La durata è data dall’esaurimento delle risorse – si stima possa sostenere richieste per tutto il 2018.

 

Questi i testi definitivi approvati per Superammortamento ed Iperammortamento (art. 1 commi 29-36):

  1. Ai fini delle imposte sui redditi, per i soggetti titolari di reddito d’impresa e per gli esercenti arti e professioni che effettuano investimenti in beni materiali strumentali nuovi, esclusi i veicoli e gli altri mezzi di trasporto di cui all’articolo 164, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, dal 1º gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, ovvero entro il 30 giugno 2019, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione, con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria, il costo di acquisizione è maggiorato del 30 per cento. La maggiorazione non si applica agli investimenti che beneficiano delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 8, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.

 

  1. Le disposizioni dell’articolo 1, comma 9, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, si applicano anche agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi effettuati entro il 31 dicembre 2018, ovvero entro il 31 dicembre 2019, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione.

 

  1. Per i soggetti che beneficiano della maggiorazione di cui al comma 30, le disposizioni dell’articolo 1, comma 10, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, si applicano anche agli investimenti in beni immateriali strumentali effettuati nel periodo di cui al comma 30.

 

  1. All’allegato B annesso alla legge 11 dicembre 2016, n. 232, sono aggiunte, in fine, le seguenti voci: «sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’e-commerce; software e servizi digitali per la fruizione immersiva, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3D, realtà aumentata; software, piattaforme e applicazioni per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intrafabbrica, fabbrica-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field)».

 

  1. Ai fini della fruizione dei benefici di cui ai commi 30 e 31, l’impresa è tenuta a produrre la documentazione di cui all’articolo 1, comma 11, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.

 

  1. Resta ferma l’applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 1, commi 93 e 97, della legge 28 dicembre 2015, n. 208.

 

  1. Ai soli effetti della disciplina di cui al comma 30 e di cui all’articolo 1, comma 9, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, se nel corso del periodo di fruizione della maggiorazione del costo si verifica il realizzo a titolo oneroso del bene oggetto dell’agevolazione, non viene meno la fruizione delle residue quote del beneficio, così come originariamente determinate, a condizione che, nello stesso periodo d’imposta del realizzo, l’impresa:
    1. sostituisca il bene originario con un bene materiale strumentale nuovo avente caratteristiche tecnologiche analoghe o superiori a quelle previste dall’allegato A alla legge 11 dicembre 2016, n. 232;
    2. attesti l’effettuazione dell’investimento sostitutivo, le caratteristiche del nuovo bene e il requisito dell’interconnessione secondo le regole previste dall’articolo 1, comma 11, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.

 

  1. Nel caso in cui il costo di acquisizione dell’investimento sostitutivo di cui al comma 35 sia inferiore al costo di acquisizione del bene sostituito e sempre che ricorrano le altre condizioni previste alle lettere a) e b) del comma 35, la fruizione del beneficio prosegue per le quote residue fino a concorrenza del costo del nuovo investimento.

 

I nostri strumenti d’ispezione soddisfano tutti i requisiti necessari per poter godere delle agevolazioni fiscali: ampi pannelli touch-screen per una interazione uomo/macchina semplice ed efficacie, interconnessioni con i dispositivi di linea a monte e a valle, protocolli di comunicazione compatibili con i sistemi gestionali aziendali, rispondenza ai più moderni standard di sicurezza, teleassistenza, dispositivi e sensoristiche per autodiagnosi e monitoraggio continuo dello stato macchina.

 Il nostro staff è a completa disposizione per aiutarti nella scelta dello strumento più consono ai tuoi bisogni.

Contattaci e potremo aiutarti per non farti sfuggire questa incredibile possibilità.

 

Maggiori informazioni sui nostri prodotti: http://clavis-tec.com/prodotti/

Clavistec – Key Experience.

 

Scopri tutti i nostri sistemi d’ispezione:

Sistemi di pesatura automatici, Controlli peso, Bilance automatiche, Selezionatrici ponderali: Selezionatrice ponderale

Sistemi d’ispezione a Raggi X: X-Ray ispezione prodotti

Sistemi d’ispezione a Raggi X e Pesatura nelle versioni Combinate: Combi X-Ray + Selezionatrice ponderale

Sistemi d’ispezione e rilevazione con tecnologia Metal detector: Rilevatore di metalli Metal detector

Rilevatore Metal detector + Selezionatrici ponderali nella versione Combinata: Combi Metal detector + Selezionatrice ponderale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *